Ultim'ora

Italiani rimasti a Wuhan: la situazione sta migliorando e non abbiamo paura

Sin dallo scoppio dell’epidemia di coronavirus, molti stranieri hanno scelto di rimanere in Cina e di lottare contro l’epidemia al fianco del popolo cinese. Lorenzo Mastrotto è uno di loro. Vive e lavora a Wuhan da diversi anni, ha anche un nome cinese: “Liu Yilong”

Wang Yi: Cina e Giappone sono comunità dal futuro condiviso davanti all’epidemia

Mercoledì 26 febbraio il consigliere di stato e ministro degli esteri cinese Wang Yi ha avuto un colloquio telefonico con il ministro degli esteri giapponese Motegi Toshimitsu

Annunci Ufficiali

Ghebreyesus: nuovi progressi del Forum globale di ricerca e innovazione sul nuovo coronavirus

Il 2 febbraio a Ginevra, ora locale, si è concluso il Forum globale di ricerca e innovazione sul nuovo coronavirus

Wuhan: lanciati 7 ospedali con cabine mobili

Secondo quanto rivelato dal quartier generale per la prevenzione e il controllo dell'epidemia di polmonite da nuovo coronavirus di Wuhan, al fine di svolgere un buon lavoro nella prevenzione e trattamento dell’epidemia, sono già stati lanciati 7 ospedali con cabine mobili

Coronavirus, diffuso “Avviso per il rafforzamento efficace e scientifico della prevenzione e del controllo dell’epidemia”

Il 8 febbraio, il meccanismo congiunto di prevenzione e controllo dell'epidemia da nuovo coronavirus del Consiglio di Stato cinese ha stampato e distribuito un documento dal titolo 

Domande e risposte

Coronavirus, quali precauzioni adottare

Per ridurre il rischio di infezione da coronavirus, vi suggeriamo di seguire le precauzioni suggerite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità1. Lavarsi le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi2. Indossare mascherine nei luoghi pubblici affollati3

Coronavirus, i consigli dell’Oms: ecco come lavarsi le mani

Per impedirne la diffusione l’Oms raccomanda di lavarsi bene le mani: un gesto semplice e poco costoso che, per essere efficace, deve durare dai 40 ai 60 secondi. Si tratta di un gesto semplice, rapido e assolutamente poco costoso

Coronavirus: perché aumenta il numero dei contagi, ma la percentuale di guarigioni è bassa?

Martedì 28 gennaio nel corso di una conferenza stampa della Commissione sanitaria nazionale, un giornalista ha chiesto perché, da quanto mostrano i dati rilasciati lo stesso giorno, la proporzione dei pazienti guariti è bassa?Rispondendo alla domanda, Li Xingwang