Cina: notevoli risultati della riduzione della povertà nell’ultimo decennio

2022-08-11 11:03:17

In accordo agli standard attuali delle Nazioni Unite, la Cina è il paese che ha dato il maggior contributo alla riduzione della povertà globale.

Secondo gli attuali standard dell’Onu, la Cina ha sollevato oltre 700 milioni di persone dalla povertà, oltre il 70% del totale della popolazione mondiale uscita dalla povertà nello stesso periodo. La Cina ha raggiunto l’obiettivo di riduzione della povertà dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile con 10 anni di anticipo sulla tabella di marcia, con implicazioni globali di vasta portata. Sin dal 18° Congresso Nazionale del PCC, la lotta per sconfiggere completamente la povertà in Cina è entrata in una nuova fase storica. Nel 2012, in Cina, la popolazione rurale in stato di povertà è scesa per la prima volta sotto i 100 milioni; nel 2019 la cifra si era ridotta per la prima volta a meno di 10 milioni, con un calo annuo del 66.8%; nel 2020, gli obiettivi di sradicamento della povertà nella nuova era sono stati completati nei tempi previsti, con tutti i poveri delle aree rurali affrancati dalla povertà secondo gli standard attuali. 

Essendo il paese più popoloso del mondo, la diminuzione lineare della povertà e la sostanziale riduzione dell’indigenza in Cina hanno dato un contributo significativo alla causa della riduzione della povertà su scala globale. In un momento in cui la pandemia si sta ancora diffondendo e il numero di persone in povertà estrema è aumentato di decine di milioni di unità nel resto del mondo, il successo cinese ha anche fornito al mondo un contributo di esperienza reale e di fiducia per raggiungere l’obiettivo di riduzione della povertà.

Our Privacy Statement & Cookie Policy

By continuing to browse our site you agree to our use of cookies, revised Privacy Policy. You can change your cookie settings through your browser.
I agree