Cucina cinese: Pappa di riso nero con datteri rossi

2019-09-18 09:33:32
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Ecco di seguito gli ingredienti: 300 grammi di riso nero, 100 grammi di riso bianco, 100 grammi di datteri rossi e 100 grammi di zucchero

Preparazione:

Lavare il riso nero e quello bianco, mettere nella pentola i due tipi di riso, i datteri e quanto basta d’acqua. Bollire il tutto a fuoco vivo per 20 minuti, poi aggiungere lo zucchero, e cuocere a fuoco lento la pappa per un’altra 20 minuti. Il piatto è pronto.


Caratteristiche: questa pappa presenta un sapore intenso e dolce, ed è molto nutriente.

Eccovi ora qualche nozione alimentare:

Il riso nero è molto nutriente.

In base ai differenti gusti e colori, vi sono differenti qualità di riso. Il riso nero è considerato pregiato, ed ha la fama di essere “medicinale” e di “allungare la vita”, poichè è dotato di un alto valore nutritivo. Moderne analisi hanno dimostrato che la composizione nutrizionale del riso nero è molto ricca. Ogni cento grammi di riso nero contengono 11,3 grammi di proteine, mentre la stessa quantità di riso bianco ne contiene solo 6-8 grammi. Inoltre, il riso nero contiene molte vitamine ed alcuni microelementi necessari, fra cui zinco, ferro, molibdeno, selenio ed altri ancora. Il riso nero è indicato dalla medicina cinese per il rafforzamento della componente “yin”, in quanto arricchisce il sangue; fa inoltre bene per i reni, la milza, il fegato, gli occhi, e ravviva la circolazione sanguigna. Le medicine a base di riso nero curano i giramenti di testa, l’anemia, i capelli bianchi e le malattie degli occhi.


Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Uniti contro il Covid-19: la mascherina può essere riutilizzata?
Uniti contro il covid-19: Psicoterapia:come allontanarci dallo stress?
Uniti contro il covid-19: la condivisione della lavatrice causa qualche contagio?
Uniticontroilcovid19: come disinfettare la giacca?
Coronavirus, task force cinese al lavoro in Italia
Uniti contro il Covid-19: i virus sopravvivono più a lungo sulle superfici lisce?