Sulla libertà di parola non ci può essere alcun doppio standard

2021-04-13 20:29:54
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Per quanto riguarda le questioni di Hong Kong e del Xinjiang, alcuni media svedesi hanno più volte pubblicato rapporti falsi, fuorviando la percezione della società svedese nei confronti della Cina e danneggiando le rapporti con essa.

Negli ultimi tempi, menzogne come il cosiddetto "genocidio" e il "lavoro forzato" nel Xinjiang hanno inondato le pagine di alcuni media occidentali. Per rispondere a questi rapporti imprecisi sulla Cina, se non addirittura calunnie, attacchi e menzogne diffuse in cattiva fede, le missioni diplomatiche cinesi all’interno del Paese hanno il diritto e l'obbligo di parlare, spiegare i fatti e contrastare gli attacchi dannosi.

Tuttavia, queste normali azioni di diplomatici cinesi sono state attaccate da un piccolo numero di politici e di media occidentali.

Il doppio standard occidentale secondo cui si può parlare da soli senza dare agli altri il diritto di replica è il danno più grave inflitto alla libertà di parola.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

00:03:19
China Bites – 2 minuti per parlare degli animali divini cinesi
00:09:58
​LEONI DI PIETRA di Pechino, simbolo di forza e protezione ed emblema della tradizione storica della Cina
00:03:57
Quali sono gli elementi culturali tradizionali cinesi nelle prossime Olimpiadi invernali di Pechino?
00:00:53
Come si dice in cinese “sciare”?
00:09:13
IN VIAGGIO CON PAI- Una bella esperienza nel campo dello sci a Chongli?
00:00:49
Cinese in pillole-come si dice in Cina “incastrare”?