Perché Pompeo usa la scusa della "sicurezza nazionale" per reprimere le aziende cinesi? Soffre forse di qualche disturbo mentale?

2020-07-31 19:23:37
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Alcuni giorni fa il segretario di Stato statunitense Mike Pompeo ha tenuto un discorso, nel corso del quale ha calunniato di nuovo l’azienda tecnologica cinese Huawei definendola una "minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti" e affermato ridicolmente che le aziende cinesi "non perseguono profitti". Dietro l’abuso del concetto, si può vedere un'America arrogante che danneggia le regole del mercato.

In qualità di più grande fornitore di apparecchiature di telecomunicazione del mondo, negli ultimi 30 anni Huawei ha costruito oltre 1.500 reti in più di 170 Paesi e regioni, servendo più di 3 miliardi di persone. Ma non si è mai verificato un incidente di sicurezza informatica simile al "caso Snowden" o a "WikiLeaks". I politici statunitensi utilizzano il potere nazionale per costringere i loro alleati a schierarsi contro la tecnologia cinese, che riflette la loro mentalità da gioco a somma zero e i loro pregiudizi ideologici.

Il 29 luglio, durante un'audizione del Congresso degli Stati Uniti, quando agli amministratori delegati delle tre aziende giganti tecnologiche statunitensi - Apple, Google e Amazon - è stato chiesto "se ritengono che la Cina abbia rubato la tecnologia delle aziende americane", tutti i tre hanno risposto: "Non ci sono prove".

Essendo la Cina un grande Paese in via di sviluppo che ama la pace, risponderà con fermezza e razionalità nell’affrontare un’America irragionevole che si fa strada sgomitando.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Tanta italia in questa edizione del Festival di cinema di Shanghai
​Al via la prima missione cinese per l’esplorazione di Marte!
Antica Via della Seta Marittima, conclusione con il declino nelle ultime due dinastie cinesi
Vaccino made in China completa la seconda fase di sperimentazioni cliniche
In Cina si sono riaperte le sale di cinema!
Ecco il treno a levitazione magnetica made in China di 600 km/h!