Cina ordina chiusura del Consolato generale USA a Chengdu in risposta alla provocazione statunitense

2020-07-24 21:32:26
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Il 24 luglio, il Ministero degli Esteri cinese ha comunicato all’Ambasciata USA in Cina la sua decisione di revocare la licenza per l'istituzione e il funzionamento del Consolato generale degli Stati Uniti a Chengdu e di presentare i requisiti specifici perché il Consolato generale fermi tutte le attività. Si tratta di una risposta della stessa misura della richiesta irragionevole degli USA di chiudere il Consolato generale cinese a Houston, la Cina non ha avuto altra scelta.

Di recente, il cielo sopra Washington si è rannuvolato. Alcuni politicanti statunitensi hanno lanciato attacchi frenetici contro la Cina per scaricare le proprie responsabilità e nascondere varie contraddizioni interne, nonché per questioni legate alle elezioni presidenziali. Gli Stati Uniti hanno lanciato provocazioni a tutto campo sotto il profilo politico, economico, diplomatico, militare e ideologico. Come parte della loro campagna anti-Cina, qualche giorno fa gli USA hanno chiesto a Beijing di chiudere entro tre giorni il suo Consolato generale a Houston, con il pretesto di “tutelare la proprietà intellettuale e le informazioni private del popolo statunitense”. Quest’atto ha gravemente violato il diritto internazionale e le norme fondamentali delle relazioni internazionali nonché le disposizioni pertinenti del Trattato consolare Cina-USA. Si tratta di una provocazione politica estremamente malvagia.

La Cina, essendo un Paese che ama la pace, guarda sempre alle relazioni sino-americane da una prospettiva strategica e di lungo termine, propugna da sempre una gestione delle controversie appropriata e costruttiva, e non ha alcuna intenzione di combattere la cosiddetta “nuova guerra fredda” con gli USA. Anche in un momento in cui le relazioni tra Cina e Stati Uniti si trovano ad affrontare difficoltà senza precedenti, i funzionari e i cittadini cinesi propongono ancora soluzioni razionali per la transizione delle relazioni bilaterali. Questo perché la Cina è ben consapevole del fatto che lo sviluppo sano e stabile delle relazioni tra i due Paesi non corrisponde soltanto agli interessi delle due parti, ma favorisce anche la pace e la stabilità del resto del mondo. Tuttavia, l'insistenza della Cina sullo sviluppo pacifico non significa che Beijing intende inghiottire un frutto amaro che mina i suoi interessi di sovranità, sicurezza e sviluppo. La contromisura adottata dalla Cina con la chiusura del Consolato generale USA a Chengdu manda un messaggio inequivocabile: la Cina non provoca i problemi ma non li teme, non crede nel male ma non ne ha paura. Insomma, non crollerà mai la determinazione con cui la Cina intende tutelare i propri diritti e interessi legittimi.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Tanta italia in questa edizione del Festival di cinema di Shanghai
​Al via la prima missione cinese per l’esplorazione di Marte!
Antica Via della Seta Marittima, conclusione con il declino nelle ultime due dinastie cinesi
Vaccino made in China completa la seconda fase di sperimentazioni cliniche
In Cina si sono riaperte le sale di cinema!
Ecco il treno a levitazione magnetica made in China di 600 km/h!