I politici occidentali che chiedono a gran voce conto dell’epidemia alla Cina sono illetterati legali e canaglie

2020-05-25 20:31:44
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

"Queste false accuse contro la Cina non hanno basi fattuali e giuridiche e non hanno precedenti internazionali, sono del tutto ‘prodotti falsi’". Così ha affermato Wang Yi, consigliere di Stato e ministro degli Esteri cinese, durante la conferenza stampa della terza sessione della 13esima Assemblea Popolare Nazionale tenutasi il pomeriggio del 24. Si tratta della risposta pubblica più severa mai data dalla Cina alle farse politiche di "querela contro la Cina" e di "richiesta di compensazione" inventate da alcuni politici negli Stati Uniti e in Occidente, ed ha anche reso la comunità internazionale più consapevole del fatto che questo tipo di "falsa accusa" è un vero e proprio atto da illetterati legali e canaglie e un tentativo di sottrarsi alla responsabilità da assumersi per aver fallito nella lotta contro l'epidemia e di trasmettere contraddizioni attraverso il sentimento populista.

Come ha sottolineato l'Organizzazione mondiale della sanità, i virus potrebbero apparire in qualsiasi parte del mondo e questa volta anche la Cina è rimasta vittima dell'epidemia. Al fine di frenare la diffusione epidemica, la Cina ha interrotto i canali di diffusione del virus nel più breve tempo, prevenendo efficacemente la rapida diffusione dell'epidemia, e pagando per questo un prezzo enorme con grandi sacrifici. Le operazioni anti-epidemia della Cina supereranno la prova del tempo e della storia.

Per quanto riguarda la responsabilità, gli Stati Uniti sono il paese con la maggiore responsabilità nella pandemia globale. Alcuni politici negli Stati Uniti non solo hanno equivocato i tempi dell’esplosione dell’epidemia negli Stati Uniti, ma hanno anche modificato i dati sulla mortalità, e per la loro stessa prevenzione e controllo inefficaci, sono diventati il principale esportatore dell'epidemia verso molte parti del mondo, mettendo in pericolo la sicurezza globale della sanità pubblica, non sono forse queste cose su cui si dovrebbe indagare?

Nel 2009 l'influenza A H1N1 inizialmente scoppiata negli Stati Uniti si diffuse successivamente in oltre 200 paesi e regioni, e l’OMS aumentò il rischio di epidemia al massimo livello. Uno studio pubblicato sul Lancet Infectuous Diseases nel 2012 suggeriva che tra aprile 2009 e agosto 2010, l'influenza A H1N1 avrebbe potuto causare da circa 151.700 a 575.500 morti in tutto il mondo, ma finora nessun Paese e organizzazione ha presentato richieste di compensazione agli Stati Uniti. I paesi di tutto il mondo dovrebbero forse avanzare richieste di risarcimento basate sulla logica di alcuni politici americani?

La Cina di oggi non è più quella di un secolo fa e lo stesso vale per il mondo di oggi. Il mondo in cui i malvagi erano al potere se ne è andato per sempre, la Cina ha la capacità di difendere la propria dignità e interessi, e su ciò i politici americani non dovrebbero formulare alcun giudizio erroneo!

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Tanta italia in questa edizione del Festival di cinema di Shanghai
​Al via la prima missione cinese per l’esplorazione di Marte!
Antica Via della Seta Marittima, conclusione con il declino nelle ultime due dinastie cinesi
Vaccino made in China completa la seconda fase di sperimentazioni cliniche
In Cina si sono riaperte le sale di cinema!
Ecco il treno a levitazione magnetica made in China di 600 km/h!