Non scambiate l’origine epidemica per lo scoppio dell’epidemia a Wuhan

2020-05-21 21:50:10
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Il filosofo greco Platone scrisse nel quinto libro de La Repubblica un racconto: all'interno di una caverna si trovano alcuni prigionieri incatenati, che sono incapaci di vederne l'entrata; alle loro spalle arde un fuoco, e gli occhi dei prigionieri possono solo fissare le ombre sul muro dinanzi a loro. Per i prigionieri, le ombre che vedono sono la realtà. Ma se uno di essi fosse riuscito a liberarsi e avesse rivolto la faccia verso l’uscita della caverna, inizialmente sarebbe stato abbagliato dalla luce e avrebbe provato dolore;in seguito, osservando il fuoco e il sole, sarebbe divenuto consapevole della superficialità della sua conoscenza precedente. Il paradosso è che, tornando nella caverna, dovrebbe riabituare gli occhi all'oscurità e sarebbe deriso dai compagni, qualora provasse a raccontare loro ciò che ha visto.

Con questo mito Platone spiega la sua dottrina delle idee, secondo cui la realtà sensibile è paragonabile alle ombre che i prigionieri vedono. L’attuale epidemia di Covid-19 è molto simile al racconto del mito della caverna. I politicanti statunitensi hanno visto solo il tasso di mortalità non alto e il fatto che la Cina ha messo sotto controllo l'epidemia in un periodo di tempo relativamente breve, ma non hanno visto gli sforzi compiuti dal governo e dal popolo cinesi.

Quando l’epidemia è diventata più grave di quanto l’Amministrazione statunitense avesse immaginato, i politicanti americani che hanno reagito in ritardo hanno iniziato ad usare la posizione dominante dei media occidentali per mettere in ginocchio il pensiero del popolo del mondo, confondendo di proposito lo scoppiodell'epidemia aWuhan con l'origine dell'epidemia, nel tentativo di attribuire alla Cina la responsabilità di questa crisi sanitaria.

Di fatto,rintracciare l' originedell'epidemia è un problema di natura scientifica, ma è stato politicizzato dai politicanti americani, al fine di incitare intenzionalmente l'ostilità verso la Cina. Il Covid-19 è un nemico comune a tutta l'umanità, e prevenire e controllare l'epidemia è la nostra missione comune. Ciò di cui abbiamo più bisogno ora è la cooperazione internazionale e di misure di prevenzione e controllo condivise, e non di mettere qualcuno sul banco degli imputati e di scaricare le proprie responsabilità. Quella che questi politicanti chiamano "verità" non è altro che l'apparenza. Solo mettendo da parte i fenomeni e cogliendo l'essenza delle cose, l'umanità potrà sconfiggere l’epidemia e avere un futuro luminoso e brillante.



Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Nuovo collegamento di Pai con Cristiano Bortone
Commento Pai-Interazioni interessanti tra Cina e Italia nel commercio e negli investimenti
Anteprima, presto nuovo collegamento di Pai con Cristiano Bortone
​Antica Via della Seta nel periodo caotico 266 D.C.-589 D.C.
ABC del codice civile cinese, analisi di Stefano Porcelli
Come si dice in cinese “codice civile”?