USA dovrebbero ricevere indagini internazionali per le questioni rimaste aperte su prevenzione e controllo dell’epidemia di Covid-19

2020-05-05 22:04:37
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Recentemente, alcuni politici statunitensi rappresentati da Mike Pompeo hanno continuato a diffondere calunnie sull’origine del nuovo coronavirus, ignorando la criticità dello stato dell’epidemia nel proprio Paese. Secondo queste persone l’agente patogeno della Covid-19 sarebbe stato creato artificialmente dal Wuhan Virus Research Institute. In effetti, l'opinione pubblica internazionale, tra cui anche i principali media statunitensi, ritiene che gli USA che nutrono molti dubbi sul comportamento altrui, siano il Paese più meritevole di ricevere indagini internazionali.

Nonostante gli Stati Uniti siano il miglior Paese al mondo per condizioni mediche, ora detengono il primato anche per casi confermati e decessi da Covid-19. Al momento gli Usa sono anche il principale “esportatore” di casi di contagio provocando enormi difficoltà al resto del mondo che cerca ancora di prevenire e controllare l’avanzata del virus.

Perché la prevenzione e il controllo dell'epidemia negli Stati Uniti hanno raccolto una sconfitta di questo tipo? Qual è la responsabilità degli Stati Uniti nella diffusione globale dell’epidemia? Cosa vogliono nascondere i politici statunitensi per voler distrarre così l’attenzione dell’opinione pubblica? Tali questioni dovrebbero essere oggetto di indagine da parte della comunità internazionale.

In primo luogo, gli Stati Uniti devono consentire ad organizzazioni come l'OMS di entrare nel laboratorio biologico di Fort Detrick per condurre indagini sul campo in risposta alle richieste e preoccupazioni dei cittadini.

In secondo luogo, gli Stati Uniti dovrebbero cooperare con le agenzie internazionali per indagare sul pretesto della cosiddetta pandemia per coprire l’epidemia di Covid-19. Tra i casi di influenza negli USA quanti sono quelli accertati di Covid-19? E’ vero che il paziente zero di Covid-19 è già apparso da tempo negli Stati Uniti? Per contenere l’epidemia il prima possibile, la comunità internazionale dovrebbe trovare una risposta a queste domande.

In terzo luogo, gli Stati Uniti dovrebbero mostrarsi cooperativi con il processo di indagine internazionale per scoprire quando è apparso per la prima volta il Covid-19 nel Paese. La riposta di questa domanda è cruciale anche per la prevenzione e il controllo dell'epidemia a livello globale.

La Cina è onesta e aperta alle indagini internazionali. Tuttavia, si oppone a strumentalizzazioni e a stigmatizzazioni nei propri confronti. In accordo ai regolamenti internazionali, le indagini sull’epidemia di Covid-19 dovranno essere a guida Onu, e non Usa, poiché questi ultimi perseguono l’unilateralismo.

Questa confusione sull’origine dell’epidemia negli Stati Uniti dovrà essere chiarita, visto che i laboratori biologici interni ed esteri, secondo quanto rivelato dai media, sono molto pericolosi. Gli Usa dovrebbero inoltre sottoporsi a rigorose indagini scientifiche guidate dalla comunità internazionale!

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Tanta italia in questa edizione del Festival di cinema di Shanghai
​Al via la prima missione cinese per l’esplorazione di Marte!
Antica Via della Seta Marittima, conclusione con il declino nelle ultime due dinastie cinesi
Vaccino made in China completa la seconda fase di sperimentazioni cliniche
In Cina si sono riaperte le sale di cinema!
Ecco il treno a levitazione magnetica made in China di 600 km/h!