La Cina continua a rilasciare "energia positiva" nella risposta ai cambiamenti climatici globali

2019-09-24 21:08:12
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Lunedì 13 settembre presso la sede generale dell’Onu, a New York, si è tenuto l’UN Climate Action Summit, che mira a promuovere il compimento di azioni concrete nell’ambito dell’economia reale per rispondere ai cambiamenti climatici. Durante il summit Wang Yi, rappresentante speciale del presidente della RPC Xi Jinping, consigliere di Stato e ministro degli Esteri cinese, ha dichiarato che la Cina osserverà con grande serietà gli obblighi stabiliti dalla Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici e dall’Accordo di Parigi e realizzerà nei tempi previsti gli obiettivi relativi al contributo richiesto al paese. Ancora una volta la Cina ha fatto la promessa di affrontare i cambiamenti climatici in ambito internazionale, il che dimostra a pieno la sua determinazione da grande paese responsabile.

La Cina considera infatti da sempre la risposta ai cambiamenti climatici come un requisito essenziale per il proprio sviluppo sostenibile e come una responsabilità da assumersi per costituire una comunità umana dal futuro condiviso. La Cina è ormai il primo paese al mondo in termini di risparmio energetico e di utilizzo di nuove fonti di energia rinnovabili, grazie alle innovazioni introdotte in ambito tecnico-scientifico e a livello istituzionale, inserendo la costruzione di una civiltà ecologica nelle strategie di sviluppo nazionale. A partire dal 2000, un quarto della nuova superfice forestale globale è dovuta all’impegno della Cina.

Attualmente la governance climatica globale è entrata in una fase cruciale. Sebbene gli Stati Uniti si siano ritirati dall'Accordo di Parigi nel 2017, non sono stati in grado di cambiare la tendenza globale allo sviluppo eco-sostenibile e a basse emissioni di carbonio, e la governance climatica globale continua a fare progressi. Dall'Europa all'Asia meridionale, sempre più paesi si sono impegnati ad aumentare i propri obiettivi di riduzione delle emissioni e stanno facendo il possibile per raggiungere risultati positivi alla 25esima riunione delle parti che hanno aderito alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici di quest'anno.

Per raggiungere i suddetti obiettivi, tutte le parti devono attenersi al principio delle “responsabilità condivise ma differenziate”. Poiché i paesi sviluppati e quelli in via di sviluppo hanno diverse responsabilità storiche, si trovano in diverse fasi di sviluppo e possiedono diverse capacità di risposta, il principio delle “responsabilità condivise ma differenziate” non solo non è obsoleto, ma deve essere efficacemente osservato. A questo proposito, la Cina invita i paesi sviluppati ad assumersi per primi la responsabilità di ridurre le emissioni, promettendo di mobilizzare, fino al 2020, 100 miliardi di dollari all’anno.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

PAI VLOG:Entriamo con Pai in un laboratorio della giada dove, da 40 anni, una famiglia di artigiani trasforma la pietra in opera d'arte
Gastronomia cinese-presto Pai vi porta ad un'altra città cinese famosa per la pasta!
Cinese in pillole-come si dice in cinese "anno nuovo"?
Il Lago delle Mille Isole: un luogo pittoresco nello Zhejiang, paradiso ittico e faunistico
Gastronomia cinese-Presto Pai vi porta ad assaggiare un’altra pasta speciale di Zhangzhou!
Viaggio digitale in Cina- Pai vi porta a due monti di boschi nel nordest della Cina!