Avviata ufficialmente l'iniziativa "Cina in salute" - Radio Cina Internazionale

2019-07-18 19:32:28
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Il governo cinese ha recentemente reso pubblici una serie di documenti sull'attuazione dell'iniziativa "Cina in salute" (Healthy China), dando istruzioni su come eseguire a livello nazionale i lavori in materia di prevenzione delle malattie e promozione della salute nei prossimi dieci anni. Dai documenti pubblicati apprendiamo che la Cina lancerà 15 campagne speciali incentrate sui seguenti tre aspetti: intervenire nei fattori che influenzano la salute, salvaguardare la salute nell' intero ciclo di vita, prevenire e controllare le principali malattie. Giovedì 18 luglio l'iniziativa "Cina in salute" è stata ufficialmente lanciata nella città di Beijing.

Con Healthy China saranno intraprese 15 importanti campagne speciali che si prefiggono l'obiettivo di controllare il tabacco, prevenire il cancro, prevenire e trattare le malattie cardiovascolari e cerebrovascolari e promuovere la salute mentale. Ma Xiaowei, direttore della Commissione nazionale per la salute della Repubblica Popolare Cinese, ha pronunciato le seguenti parole durante la cerimonia di lancio:

"L'iniziativa 'Cina in salute' continua a mettere la prevenzione al primo posto, concentrandosi sui principali problemi e sulle principali malattie che oggi influenzano la salute del popolo cinese. Saranno organizzate 15 importanti campagne, tramite il coordinamento di governo, società e singoli individui, e saranno proposte misure adeguate per la promozione della salute nelle aree colpite dalla povertà".

Gou Zhongwen, direttore dell'Amministrazione statale dello sport della RPC, ha dichiarato che attualmente la percentuale di cittadini cinesi che fa regolarmente esercizio fisico è pari al 33,9%; se si considerano solo i cittadini di età compresa tra i 20 e i 69 anni questa percentuale scende al 14,7%. La mancanza di attività fisica è all'origine di molte malattie croniche. Gou Zhongwen ha anche ricordato che promuove la ginnastica ritmica, con esercizi trasmessi via radio, in tutta la Cina.

"La ginnastica per radio è un modo semplice per mantenersi in salute, che produce buoni risultati. Occorre consentire alle persone di fare ginnastica nell'intervallo del lavoro e di praticare ginnastica ritmica e promuovere largamente la ginnastica per radio, in modo da creare buone abitudini sociali di esercizio consapevole, fitness attivo e ricerca della salute".

Negli ultimi anni, la percentuale di adolescenti cinesi che soffrono di miopia è rimasta alta e ha continuato a salire. Secondo un sondaggio, il 53,6% di adolescenti cinesi è miope. Per tale motivo, il vice ministro dell'Istruzione cinese, Zhong Denghua, ha rivolto un appello a studenti, insegnanti, genitori e scuole di tutto il Paese affinché "si presti attenzione alla prevenzione e al controllo della miopia".

"Ogni giorno, gli studenti delle scuole elementari e medie devono fare sport a un livello di intensità medio-alta per almeno un'ora. Devono anche imparare 1 o 2 tecniche sportive e padroneggiare le conoscenze e le tecniche per le cure di primo soccorso. I genitori dovrebbero dare l'esempio e prendere l'iniziativa nel ridurre l'uso di prodotti elettronici come i telefoni cellulari", ha dichiarato Zhong Denghua.

Anche gli esperti e le aziende del settore sanitario hanno proposto diverse iniziative per rispondere alle abitudini alimentari e di sonno malsane dei cittadini cinesi.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

00:00:44
Cina: l'economia "fredda" diventa calda con apertura degli impianti sciistici in molte zone
00:00:30
La popolazione di cavalli selvaggi di Przewalski in Cina supera i 700
00:04:53
Banana Boys, nuovo format di Studio Tiramsù
00:09:55
IN VIAGGIO CON PAI-Guangxi, Inizia un road trip di Pai nel Guangxi tra villaggio di minoranza etnica, campo di riso terrazzato e spaghetti di riso…
00:00:55
Cinese in pillole-come si dice in cinese “birra”?
00:02:16
China Bites-Pai parla del mistero delle maschere dell’opera di Pechino