Cina, molte misure per migliorare il livello delle facilitazioni doganali - Radio Cina Internazionale

2019-07-04 16:29:30
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Mercoledì 3 luglio, a Beijing, il vicedirettore dell'Amministrazione generale delle dogane cinese, Hu Wei, ha dichiarato che si spera di raggiungere con un anno di anticipo il seguente obiettivo: trattare i documenti per la supervisione delle importazioni e delle esportazioni con procedure totalmente informatizzate.

Al momento, il numero di documenti necessari per la supervisione delle importazioni e delle esportazioni in Cina è stato ridotto a 46 (prima erano 86). Ad eccezione di quattro esigenze speciali, in tutti gli altri casi sono stati realizzati la verifica in rete e il confronto automatico. Di recente, molti dipartimenti cinesi hanno emanato congiuntamente la "Circolare relativa all'accelerazione dell'innalzamento del livello delle facilitazioni doganali", semplificando ulteriormente le procedure di sdoganamento e migliorando l'efficienza delle operazioni doganali. Nel corso di una conferenza stampa ordinaria tenuta ieri dall'Ufficio stampa del Consiglio di Stato cinese, il vice direttore dell'Amministrazione generale delle dogane cinese, Hu Wei, ha dichiarato che:

"Per snellire ulteriormente la documentazione, sono state introdotte due misure; per ottimizzare ulteriormente il processo e migliorare l'efficienza dello sdoganamento, sono state introdotte quattro misure; per migliorare ulteriormente il livello di informatizzazione negli scali portuali, sono state introdotte due misure; e per ridurre ulteriormente le spese portuali, sono state introdotte due misure".

Hu Wei ha fatto sapere che, entro la fine di quest'anno, l'Amministrazione generale delle dogane aprirà diversi "canali verdi" con i dipartimenti competenti e le amministrazioni locali, come lo Scalo portuale di Laojie (estuario al confine tra Cina e Vietnam) e il "canale verde" per lo sdoganamento rapido dei prodotti dell'agricoltura e dell'artigianato collaterale sul confine Cina-Kazakistan. Allo stesso tempo, l'Amministrazione coordinerà e promuoverà l'apertura di "canali verdi" in corrispondenza di alcuni porti sul confine sino-russo.

Hu Wei ha inoltre affermato che le misure volte a ottimizzare l'ambiente imprenditoriale negli scali portuali hanno avuto un impatto positivo anche sul commercio con l'estero di quest'anno.

"Complessivamente, nei primi cinque mesi di quest'anno, l'import-export ha continuato a crescere in modo stabile, la struttura commerciale è stata continuamente ottimizzata, il processo di diversificazione del mercato è andato avanti senza intoppi e l'import-export si è presentato stabile e in miglioramento. Soffermandosi sul locale, secondo le statistiche doganali, la crescita del volume delle importazioni e delle esportazioni in alcune province e città risulta ancora piuttosto evidente. Soprattutto a Tianjin, il volume delle importazioni nel porto fluviale di Tianjin è aumentato del 46,5% rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso".

La "Circolare" di cui sopra indica che occorre intensificare la costruzione di una "single window" nel commercio internazionale e accelerare il collegamento e la cooperazione con l'aviazione civile, i porti, le ferrovie e altre istituzioni. Dang Yingjie, vice direttore del China National Port Management Office, ha dichiarato che:

"Per prima cosa occorre accelerare il collegamento e la cooperazione con l'aviazione civile, i porti, le ferrovie e altre istituzioni industriali, per fornire agli operatori di mercato servizi di informazione per l'intero percorso della logistica doganale 'one-stop'; in secondo luogo, occorre permettere ai trader di potersi rivolgere alla "single window" per un numero maggiore di affari principali, garantendo che entro la fine dell'anno possano rivolgersi alla SW per tutti gli affari principali. Inoltre, ci concentreremo sull'iniziativa 'One Belt, One Road' e sulla costruzione di nuovi canali internazionali per il commercio terrestre e marittimo, per dare impulso allo scambio di informazioni e alla cooperazione e gli scambi a livello internazionale nella 'single window', e promuovere attivamente la interoperabilità con la 'single window' oltre confine".

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Uniti contro il Covid-19: la mascherina può essere riutilizzata?
Uniti contro il covid-19: Psicoterapia:come allontanarci dallo stress?
Uniti contro il covid-19: la condivisione della lavatrice causa qualche contagio?
Uniticontroilcovid19: come disinfettare la giacca?
Coronavirus, task force cinese al lavoro in Italia
Uniti contro il Covid-19: i virus sopravvivono più a lungo sulle superfici lisce?