Cina, miglioramento della struttura occupazionale e crescita dell'occupazione gettano solide basi per la creazione di una società moderatamente prospera - Radio Cina Internazionale

2019-07-04 20:33:46
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Secondo i dati diffusi dall'Ufficio Nazionale di Statistica della Cina, a 70 anni dalla fondazione della Repubblica popolare cinese il livello di occupazione è continuato a crescere, e la struttura occupazionale è stata costantemente migliorata. Alla fine del 2018 il numero di persone che svolgono lavoro dipendente in Cina è salito a 770 milioni - più della metà della popolazione totale - e delle quali rispettivamente quasi il 30% e il 50% sono impiegati nel settore secondario e terziario. Queste cifre sono significativamente più alte rispetto a quelle degli anni che hanno immediatamente seguito la fondazione della Repubblica popolare cinese. Gli esperti ritengono che la continua espansione della scala occupazionale mostri chiaramente come l'economia cinese stia continuando a procedere su un percorso di sviluppo costante e che l'ottimizzazione della struttura occupazionale – insieme all'aumento dell'occupazione – abbia gettato una solida base per la creazione di una società moderatamente prospera. Segue il nostro servizio sull'argomento.

Secondo i dati raccolti alla fine del 1949, il tasso di disoccupazione urbana in Cina era del 23,6% contro il 4,9% della fine del 2018. Wang Jun, capo economista della Banca Zhongyuan, ritiene che il miglioramento della struttura occupazionale e l'aumento dell'occupazione abbiano creato solide fondamenta che consentiranno al Paese di creare una società moderatamente prospera, anche grazie alla crescita effettiva dei redditi e dei consumi dei cittadini cinesi.

"Sappiamo che 70 anni fa la popolazione cinese era costituita da meno di 500 milioni di persone mentre ora è quasi a quota 1,4 miliardi – tre volte di più di allora. Pur con una popolazione così numerosa, il Paese è riuscito ad assicurare una crescita continua del livello di occupazione; ciò dimostra chiaramente che il processo di espansione della sua economia è stato rapido. A tutt'oggi il più alto livello di occupazione dei cinesi rappresenta un importante contributo offerto alla prosperità economica sia della Cina che del mondo. Con lo sviluppo dell'economia, e in modo particolare dall'avvio del processo di riforma e apertura, la struttura occupazionale del Paese è stata costantemente migliorata. Un gran numero di lavoratori rurali in eccedenza sono "migrati" verso l'industria secondaria e terziaria. La Cina ha già completato il processo di industrializzazione e ora ha iniziato la sua marcia verso lo sviluppo del terziario e dell'industria dei servizi".

Negli ultimi anni è stato possibile assistere ad un tumultuoso sviluppo dell'imprenditoria e dell'innovazione di massa. Nuove modalità di lavoro e nuove industrie non solo hanno iniettato vitalità al processo di sviluppo economico, ma hanno anche fornito un solido sostegno per rendere più stabile l'occupazione. Nuovi posti di lavoro stanno costantemente emergendo e l'industria terziaria, le piccole e medie imprese e l'economia privata sono diventati i mezzi principali per generare occupazione. Dal 2013 al 2018, per sei anni consecutivi, il numero di nuovi posti di lavoro a livello annuale presenti nelle aree urbane della Cina ha superato quota 13 milioni. Nel 2018, solo nell'ambito dell'economia digitale, sono stati 191 milioni i nuovi posti di lavoro che rappresentano un quarto del totale della nuova occupazione a livello annuale. Su questo tema Chang Kai, direttore dell'Istituto per le relazioni sul lavoro della Scuola del Lavoro e delle Risorse umane della Renmin University of China, si è così pronunciato:

"Varie industrie come quella del commercio elettronico e delle spedizioni espresse e hanno favorito nuove forme di occupazione mai esistite in passato. Questo cambiamento nel mercato del lavoro è direttamente connesso allo sviluppo della tecnica legata all'economia, in modo particolare allo sviluppo di Internet. In effetti la Cina è già tra i primi Paesi al mondo per numero di lavoratori dipendenti in questo settore. Le nuove occupazioni svolgono un ruolo di grande importanza nel processo di sviluppo economico e nel dare impulso al mercato del lavoro".

Le statistiche mostrano che a 70 anni dalla fondazione della Repubblica popolare cinese l'economia della Cina ha continuato ad espandersi e la sua forza complessiva è in costante crescita. Nel 2018 il PIL della Cina è aumentato ben 175 volte rispetto a quello del 1952, con un tasso di crescita medio annuale dell'8,1%. Nel 2018, il reddito nazionale lordo pro capite della Cina ha raggiunto quota 9.732 dollari, più alto della media dei Paesi a medio reddito. L'economista Wang Jun ritiene che la crescita dell'economia e l'espansione della scala economica porteranno inevitabilmente ad un aumento delle opportunità di lavoro.

"In passato, un punto percentuale in più nella crescita economica poteva portare a circa 8 o 9 milioni di posti di lavoro. Negli ultimi due anni, grazie ad uno sviluppo economico di qualità più elevata e all'ottimizzazione della struttura economica, lo stesso numero di posti di lavoro in più, e sostanzialmente stabili, può essere prodotto con meno di un punto di tasso di crescita. Questo mostra da un lato che il livello attuale del PIL cinese è in aumento, dall'altro che la struttura dell'economia continua a migliorare.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Uniti contro il Covid-19: la mascherina può essere riutilizzata?
Uniti contro il covid-19: Psicoterapia:come allontanarci dallo stress?
Uniti contro il covid-19: la condivisione della lavatrice causa qualche contagio?
Uniticontroilcovid19: come disinfettare la giacca?
Coronavirus, task force cinese al lavoro in Italia
Uniti contro il Covid-19: i virus sopravvivono più a lungo sulle superfici lisce?