Xi Jinping: la Cina intende istituire relazioni sino-giapponesi conformi alle necessità della nuova epoca - Radio Cina Internazionale

2019-06-28 16:27:33
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

La sera del 27 il capo di Stato cinese Xi Jinping ha incontrato a Osaka il premier giapponese Shinzo Abe. Le due parti hanno raggiunto dieci consensi. Xi Jinping ha indicato che entrambe le parti sono tenute a impegnarsi per istituire relazioni sino-giapponesi conformi alle necessità della nuova epoca e farle diventare un importante e positivo fattore nella salvaguardia della pace mondiale e la guida di uno sviluppo comune.

Xi Jinping ha indicato che quest'anno il mondo sta attraversando cambiamenti mai visti in cento anni che stanno profondamente rimodellando il sistema della governance globale, e che la configurazione mondiale sta rapidamente cambiando. Tra Cina e Giappone corrono crescenti comuni interessi e preoccupazioni.

Xi Jinping ha sottolineato che le parti devono sempre conformarsi scrupolosamente ai vari principi stabiliti nei quattro documenti politici comuni tra Cina e Giappone, mettere in pratica il comune consenso di essere reciproci partner di cooperazione e di non costituire reciprocamente una minaccia per l'altro, e promuovere il continuo sviluppo delle relazioni sino-giapponesi lungo l'orbita esatta. E' necessario approfondire la cooperazione in un'ampia gamma di settori quali il commerciale, degli investimenti, dei mercati terzi, creare nuovi punti di crescita cooperativa e guidare attivamente la cooperazione economica regionale. La Cina accoglie le imprese giapponesi ad ampliare la cooperazione con essa e a condividere le sue nuove opportunità di sviluppo. La costruzione congiunta dell'iniziativa "Belt and Road" ha aperto orizzonti per la cooperazione di mutuo beneficio sino-giapponese e la Cina accoglie la parte giapponese nel prendervi attivamente parte. Le due parti sono tenute a rendere stretto il legame culturale. E' necessario gestire in maniera costruttiva contraddizioni e divergenze tramite il dialogo e le consultazioni. Il presidente cinese ha espresso la speranza che la parte Giapponese possa conformarsi scrupolosamente ai consensi e alle promesse ora raggiunti, gestire appropriatamente questioni sensibili come la storia e salvaguardare congiuntamente la pace e stabilitàdel Mar Cinese Orientale.

Abe ha rivolto un caloroso benvenuto al presidente Xi Jinping giunto a Osaka per partecipare al summit del G20, ed espresso la volontà di rafforzare la cooperazione con la parte cinese e di guidare il summit verso il conseguimento di risultati positivi. Abe ha affermato che il Giappone si conforma agli importanti documenti politici comuni ai due Paesi quali il "Trattato di pace e amicizia tra Cina e Giappone", e che sulla base del consenso di "convertire la competizione in coordinamento, essere reciproci partner di cooperazione e non costituire reciprocamente una minaccia per l'altro" continuerà a impegnarsi con la parte cinese per costruire relazioni sino-giapponesi conformi alle necessità della nuova epoca e a garantire il loro stabile sviluppo a lungo termine. In rappresentanza del governo cinese ha rivolto al presidente Xi Jinping l'invito di svolgere una visita di Stato in Giappone la prossima primavera, tramite cui poter portare le relazioni sino-giapponesi a un nuovo livello. La parte giapponese spera di ampliare la cooperazione tra i due Paesi in settori quali l'economico-commerciale, degli investimenti, finanziario e dell'innovazione, ed ha la volontà di fornire alle imprese di entrambi i Paesi un ambiente di mercato equo, aperto, trasparente e non discriminatorio.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Uniti contro il Covid-19: la mascherina può essere riutilizzata?
Uniti contro il covid-19: Psicoterapia:come allontanarci dallo stress?
Uniti contro il covid-19: la condivisione della lavatrice causa qualche contagio?
Uniticontroilcovid19: come disinfettare la giacca?
Coronavirus, task force cinese al lavoro in Italia
Uniti contro il Covid-19: i virus sopravvivono più a lungo sulle superfici lisce?