Vito Petrocelli: nel Xinjiang non esistono “persecuzione etnica” né “genocidio”

2021-06-18 11:46:49
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Secondo quanto riportato da La Repubblica il 17 giugno, il presidente della Commissione esteri del Senato, Vito Petrocelli, in un’intervista concessa al giornale suddetto, ha affermato che non ritiene che nel Xinjiang esistano “persecuzione etnica” e “genocidio”. Non è corretta la critica su un sistema socialista scelto da oltre un miliardo di persone.

Petrocelli ha detto di non credere all’esistenza di un “genocidio”, e che non ci sono sterilizzazioni forzate di milioni di donne, né pulizia etnica. Egli ha espresso la speranza di guidare una delegazione in visita nel Xinjiang, per fare in modo che ogni membro della delegazione possa giudicare con i propri occhi.

Quanto al discorso se la Cina sia o meno un nuovo avversario, e se costituisca una minaccia ai valori e all’economia dell’Occidente, Petrocelli ritiene che si tratti di un pensiero tipico di una mentalità da guerra fredda. Nel corso dell’epidemia di Covid-19, la Cina ha importato più prodotti dall’Italia. Il ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, aveva affermato "Chiedete agli imprenditori se sono contenti".

Vito Petrocelli ha detto inoltre di continuare a credere che l’iniziativa “Belt and Road” rappresenti una grande opportunità sia per l’Italia che per l’Europa.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

00:03:41
Continua il nostro viaggio nello Xinjiang e oggi, con Pai, ne scaliamo le vette alla scoperta dell'arco naturale più alto al mondo
00:01:57
Viaggio in Cina- Con Pai osserviamo da vicino gli animali sul deserto Taklimakan
00:00:26
CINESE IN PILLOLE-Come si dice in cinese "ponte"?
00:02:10
Viaggio digitale in Cina-Pai ci accompagna al maggiore deserto della Cina
00:02:08
PATRIMONI CULTURALI CINESI-Pai vi accompagna alla pagoda Liushengta
00:00:45
CINESE IN PILLOLE-Come si dice in cinese "FARO"?