Li Junhua: “La Cina non ha nascosto le informazioni sull’epidemia di Covid-19”

2020-04-16 11:31:09
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Mercoledì 15 aprile Li Junhua, ambasciatore cinese in Italia, ha concesso un’intervista esclusiva a la Repubblica nel corso della quale ha risposto alle domande che riguardano l’epidemia di Covid-19.

Li Junhua ha affermato che le critiche di alcuni paesi secondo i quali “la Cina ha nascosto le informazioni sull’epidemia” hanno obiettivi politici e cattive intenzioni. La Cina ha pubblicato con tempestività le informazioni sull’epidemia, ha adottato in modo ordinato una serie di misure efficaci. L’atteggiamento aperto, trasparente e responsabilie adottato dalla Cina è stato pienamente riconosciuto e giudicato positivamente dalla comunità internazionale.

Nel corso dell’intervista, Li Junhua ha sottolineato che la Cina è il primo Paese che ha comunicato all’Oms la diffusione dell’epidemia di Covid-19, nonostante sia ancora da confermare da dove provenga il coronavirus. Parlando di questo argomento, Li Junhua ha esplicitato l’atteggiamento della Cina, secondo il quale una malattia epidemica può scoppiare in qualsiasi paese e città del mondo, e solo con i risultati delle ricerche scientifiche si può accertare da dove effettivamente proviene. Qualsiasi altra affermazione sulla Cina è una fake news.

Parlando della cooperazione italo-cinese per la realizzazione della “Belt and Road” Initiative, Li Junhua ha affermato che ciò corrisponde agli interessi comuni dei due Paesi, aggiungendo che si tratta di un processo a lungo termine, grazie al quale è possibile realizzare il mutuo vantaggio. Li Junhua ha aggiunto che Cina e Italia hanno avviato diverse cooperazioni raggiungendo risultati fruttuosi, hanno continuato ad appronfondire la collaborazione nei settori culturale, istruttivo e turistico. Dopo l’epidemia gli scambi culturali fra i due Paesi raggiungeranno un nuovo picco. Oltre a ciò, Cina e Italia hanno anche avviato una serie di cooperazioni concrete in mercati terzi.

Quest’anno ricorre il 50esimo anniversario dell’allacciamento delle relazioni diplomatiche fra Cina e Italia, nonché l’anno della Cultura e del Turismo Cina-Italia. Di fronte alle grandi sfide poste dall’epidemia di Covid-19, i popoli dei due Paesi si sono offerti un aiuto reciproco, superando insieme le difficoltà. L’epidemia non riuscirà a sconfiggere nessuno dei nostri due paesi. Al contrario, quando tutto questo sarà passato, i nostri due Paesi potranno intensificare ulteriormente la cooperazione in diversi settori.


Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Si ritira a 37 anni il campionissimo cinese del badminton Super Dan!
Presto nuovo collegamento di Pai con Edoardo Gagliardi, focus sul cinema cinese nel periodo epidemico
Anteprima: Presto nuovo collegamento di Pai con Edoardo Gagliardi, focus sul cinema cinese nel periodo epidemico
Anteprima: In questi giorni si fa in tutta la Cina “Gaokao”, esame per l’ammissione di univeristà
In questi giorni si fa in tutta la Cina “Gaokao”, esame per l’ammissione di univeristà
Antica Via della Seta Marittima, rotte delle dinastie Sui e Tang (581-709 D.C.)