75esimo anniversario dell'Onu: la protezione dei beni naturali e culturali

2020-09-23 13:40:03
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Da quando ha aderito alla "Convenzione del patrimonio mondiale", la Cina ha dichiarato con successo 55 siti patrimonio mondiale. La Cina è uno dei Paesi con la crescita più rapida del numero di siti patrimonio mondiale negli ultimi anni. Anche l’Italia può vantare 55 i siti iscritti nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, tra cui monumenti, centri storici, parchi archeologici e naturali. Essere insigniti del titolo di “Patrimonio Mondiale” è un grande onore ma, al tempo stesso, costituisce un onere, una responsabilità che ricade sullo Stato, sulle amministrazioni locali. Intanto, il comitato ha anche promosso la protezione dei beni naturali e culturali dei diversi locali.

Oggi, parliamo di un patrimonio culturale immateriale cinese, shuishu, che è una scrittura della minoranza etnica Shui. E per farvi conoscerlo meglio, vi condivido un articolo scritto dal nostro collega Piero Cellarosi.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Viaggio digitale in Cina-presto Pai vi porta al bellissimo lago Tai
Cinese in pillole, come si dice in cinese “orario scaglionato”?
Gastronomia cinese-presto Pai vi insegna un modo cinese di cuocere il pollo!
PAI VLOG: Pai a spasso nell'hutong letterario alla scoperta della Pechino antica
40 anni della Zona economica speciale di Shenzhen, nuovo collegamento di Pai con Stefano Porcelli
Gastronomia cinese-presto Pai vi fa assaggiare i ravioli dalla figura di maialino…