Le esperienze cinesi nel controllo del deserto aiutano a rendere verde il mondo

2021-08-30 11:19:40
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

I ricercatori cinesi si dedicano allo sviluppo di nuove tecniche per combattere la desertificazione in Cina, il che negli ultimi 20 anni ha contribuito alla più massiccia opera di inverdimento di vaste aree desertiche del mondo. La Cina ha anche condiviso la sua esperienza nel controllo della sabbia con altri paesi.

Un forte vento soffiava su Zhongwei, una città vicina al deserto di Tengger, nella regione autonoma dell’etnia Hui di Ningxia, uno dei luoghi più secchi della Cina, coprendo tutto con un sottile strato di polvere.

Zhao Yang, socio della Shapotou Desert Research and Experiment Station (SDRES) dell'Accademia Cinese delle Scienze (CAS), stava lavorando in un laboratorio coltivando una sorta di cianobatteri, che sono la chiave della nuova tecnologia di controllo del deserto.

Nella stazione sono state create vaste distese di paglia artificiale a scacchiera, una tecnica questa usata per fermare l'invasione della sabbia che fu implementata per la prima volta in Cina oltre 60 anni fa.

Oggi, i ricercatori cinesi della SDRES si dedicano allo sviluppo di nuove tecniche per combattere la desertificazione in Cina, il che negli ultimi 20 anni ha contribuito alla più massiccia opera di inverdimento di vaste aree desertiche del mondo.

LOTTA CONTRO LA DESERTIFICAZIONE

Zhao è felice di vedere i progressi che la nuova tecnica di controllo del deserto sta facendo.

Secondo Zhao Yang, naturalmente ci vogliono circa 10 anni per formare una crosta di cianobatteri sulla superficie della sabbia tale da impedirne lo spostamento. Tuttavia, ibridando uno speciale ceppo batterico estratto dalla crosta biologica del suolo nel deserto di Tengger con i cianobatteri in coltura, i ricercatori della SDRES sono riusciti a ridurre il tempo di formazione della crosta a un solo anno.

"La nuova tecnica è già stata implementata. Da solo il campo sperimentale sotto la mia supervisione copre una superficie di 33,3 ettari, per non parlare dei campi supervisionati dai miei colleghi in altre parti della Cina", ha detto Zhao, che lavora presso la SDRES da 11 anni.

Il lavoro di Zhao è un microcosmo degli sforzi compiuti dalla Cina per combattere la desertificazione, che hanno avuto inizio oltre 60 anni fa.

Quando la prima ferrovia cinese attraverso il deserto di Tengger entrò in funzione nel 1958, gli esperti stranieri che furono invitati a progettare la ferrovia avevano previsto che sarebbe stata sepolta dalla sabbia in 30 anni.

Tuttavia, la saggezza dei ricercatori cinesi ha dato loro una soluzione. Le strutture in paglia, che assomigliano a scacchiere, si sono rivelate il modo più conveniente, ecologico ed economico per fermare l'invasione della sabbia. All'interno delle scacchiere, la superficie della sabbia forma col tempo una crosta dura che le impedisce di muoversi.

Con un'ampia esperienza di controllo della sabbia, Ningxia sta costruendo la sua prima autostrada che attraversa il deserto di Tengger, che dovrebbe essere completata nel 2021.

Negli ultimi anni, la Cina ha portato avanti i suoi sforzi di inverdimento in tutto il paese. I dati ufficiali hanno mostrato che solo nel 2020 il paese ha migliorato l'ecologia di 2,83 milioni di ettari di praterie e ha svolto lavori di prevenzione e controllo della desertificazione su oltre 2,09 milioni di ettari di terreno.

CONDIVIDERE ESPERIENZE COL MONDO

Mentre faceva progressi nella lotta alla desertificazione, la Cina negli ultimi decenni ha condiviso le sue tecniche ed esperienze nel controllo della sabbia con altri paesi.

Nel 1977 la Cina ha condiviso la tecnica anti-desertificazione utilizzata a Shapotou alla Conferenza delle Nazioni Unite sulla desertificazione di Nairobi. Le scacchiere di paglia secche sono state utilizzate in molte parti del mondo come modo efficace per combattere la desertificazione.

"L'esperienza cinese può giovare al mondo", ha detto l'ingegnere agricolo iracheno Sarmad Kamil Ali, che nel 2013 era in Cina per apprendere le tecniche usate per il controllo della sabbia.

"I cinesi sorprendono sempre il mondo con metodi creativi per superare le difficoltà che devono affrontare. Hanno diversi metodi per fissare le dune, e ho scoperto di recente che stanno usando tecnologie più avanzate per fissare le dune di sabbia", ha detto.

Dal 2005 il team di ricerca dello Xinjiang Institute of Ecology and Geography (XIEG) del CAS esporta tecnologie mature di controllo della desertificazione in Asia centrale e Africa.

Basi dimostrative sono state costruite in molti paesi, come quelle per il ripristino ecologico delle praterie di arbusti in Etiopia, la coltivazione di piante del deserto e il controllo meccanico della desertificazione in Mauritania, secondo quando riferito da Zhang Yuanming, capo della XIEG.

Noam Weisbrod, direttore dei Jacob Blaustein Institutes for Desert Research presso l'Università Ben-Gurion del Negev in Israele, è rimasto colpito dagli sforzi nel controllo della sabbia durante il suo viaggio nella regione autonoma cinese della Mongolia Interna diversi anni fa.

L'impatto del cambiamento climatico è molto simile in diverse terre aride in tutto il mondo, ha dichiarato Weisbrod alla Xinhua nel corso di un'intervista. "Credo molto nella cooperazione internazionale. C'è molto spazio per la cooperazione Israele-Cina su questi temi”.

BIODIVERSITÀ NEL DESERTO

Nonostante i risultati ottenuti dalla Cina nel controllo dei deserti, i ricercatori ritengono che i metodi anti-desertificazione del paese debbano0 ancora superare la prova del tempo.

"Non dovremmo compiacerci di ciò che abbiamo scoperto nel controllo dei deserti", ha detto il direttore della SDRES, Li Xinrong. "Dobbiamo fare più ricerca teorica sul campo".

Per Li Xinrong, l'obiettivo finale del controllo della sabbia non consiste nell’eliminare i deserti, ma nel migliorare la biodiversità dei loro ecosistemi e trovare un modo per far coesistere in armonia gli esseri umani e i deserti.

"I deserti sono una parte indispensabile della natura e una risorsa preziosa", ha detto Li. "La Terra non sarebbe un posto bellissimo senza di essi".

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

00:00:43
Cinese in pillole-come si dice in cinese “lucertola”?
00:07:38
Oggi, con Pai, andiamo sul Ponte di Marco Polo...
CINESE IN PILLOLE-Come si dice in cinese "LEONE"?
00:07:52
Oggi Pai ci fa scoprire tutta lo splendore dell'etnia Miao
00:08:11
Oggi visitiamo il Palazzo d'Estate con Pai
00:04:18
Viaggio in Cina-Cosa serve un palloncino nel Guizhou?