Il flauto d’osso di Jiahu

2020-08-28 10:58:17
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

L’osso alare di una gru morta 9000 anni fa fu ritrovato in un villaggio di uomini primitivi. Uno di loro lo raccolse, e tenendolo nelle mani sentì il canto di uno stormo di gru.

Incidere l’osso alare di una gru per trasformarlo in uno strumento musicale. Fu un esperimento coraggioso che diede vita ad un rudimentale flauto d’osso. I buchi dall’alto in basso non sono collocati in modo ordinato e il boccaglio non è particolarmente raffinato. Tuttavia, gli uomini primitivi, magicamente ispirati crearono questo strumento musicale modesto che fu continuamente sviluppato e arricchito di particolari fino ad oggi.

Ding Xiaokui, flautista dell’Orchestra tradizionale nazionale cinese: questa è la voce della modernità; questa è la voce di 1000 anni fa; questo è un flauto d’osso che ha una storia di 9000 anni, ed emette una voce più antica.)

Ding Xiaokui possiede un’imitazione dell’antico flauto d’osso, e che conserva come un tesoro. Si tratta della copia del flauto dissotterrato dal sito storico di Jiahu, nella provincia dello Henan, tra i resti di una tribù preistorica vissuta 7800-9000 anni fa. Dal 1986 al 1987 nel sito storico di Jiahu sono stati rinvenuti oltre 20 flauti di questo tipo, i più antichi strumenti musicali dissotterrati in Cina.

Nei primi tempi il flauto d’osso era forse usato solo per imitare il verso degli uccelli e attirare le prede; in seguito durante le celebrazioni al termine delle attività di caccia i flauti divennero uno strumento musicale. Con il trascorrere del tempo, il senso estetico degli esseri umani continuò ad evolversi ed essi iniziarono ad usare strumenti musicali sempre più complessi…

Di questo gruppo di flauti, quelli più antichi hanno 5 fori, quelli più recenti ne hanno 7-8. Questo dimostra un’evoluzione della civiltà. Molti ritengono che la musica tradizionale cinese sia in una scala di 5 toni e che quella di 7 sia stata importata. Tuttavia, il flauto a 7 buchi riesce a suonare toni simili all’odierna scala di 7 note, e questo cambia il punto di vista di molti esperti sulla musica antica cinese.

Per disporre i fori in modo perfetto su un corpo dalle forme irregolari come un osso di questo tipo, gli antichi cacciatori dovevano fare tantissime prove e aggiustamenti. Ancora oggi i più grandi maestri accordatori di flauti e Xiao usano questo metodo.

In 9000 anni di storia, l’uomo scoprì gradualmente l’arte e i flauti d’osso si svilupparono pian piano in una grande famiglia di strumenti, con i flauti “di” e “xiao” in bambù.

Grazie a Ding Xiaokui e ad un numero sempre maggiore di musicisti cinesi, questi strumenti musicali, antichi di migliaia di anni, possiedono oggi una capacità di espressione più moderna. Probabilmente, solo l’ombra del flauto d’osso di Jiahu suona ancora, sullo sfondo, l’eco antica della storia.

Tra i fori del flauto d’osso è passato il respiro degli uomini di 9000 anni fa, la prima voce della civiltà, insieme al vento e al rintocco di quei tempi.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Vlog: Visita di Pai alla sede del comitato organizzativo delle Olimpiadi invernali Beijing 2022
Reperti Archeologici, presto Pai vi fa vedere un tripodio usato per il sacrificio per gli antennati!
Collegamento di Pai con Stefano Porcelli, focus sull’incontro in videoconferenza tra i leader di Cina e UE
Anteprima-Animale in Cina, Pai vi presenta l’antilope tibetano!
Le scuole italiane si riaprono, sapete come si dice in cinese “studenti”
​Gastronomia cinese-eccovi la pasta locale di Wuhan!