Cina, una docente straniera illustra in streaming le esperienze e i metodi della Cina nell’affrontare l’epidemia di Covid-19

2020-08-03 10:36:24
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Qualche mese fa, all’ingresso di numerosi quartieri residenziali di Tongxiang, nella città di Hangzhou, si potevano vedere amici stranieri di guardia, con addosso giubbetti rossi. Anneli, proveniente dal Sud Africa e docente presso la scuola media Qiushi di Tongxiang, è una di loro.

All’inizio di febbraio, nel momento più grave della prevenzione e controllo dell’epidemia, Anneli si è offerta volontaria per il lavoro in prima linea nella circoscrizione di Wutong, ad Hangzhou. La prima tappa del suo volontariato è stata il mercato agricolo, dove ella misurava la temperatura al pubblico: uno spettacolo unico in questo periodo particolare.

“Dovevo farlo: vivo a Tongxiang da dieci anni, questa è la mia seconda patria e qui hanno bisogno del mio aiuto.”

Anneli dice di non essersi impaurita di fronte alla minaccia del nuovo coronavirus, al punto che, durante l’epidemia, ha partecipato a una decina di attività di volontariato, grandi e piccole.

“Queste attività di volontariato mi hanno permesso di vedere chiaramente il possente sistema di prevenzione e controllo della Cina. Non mi aspettavo che il lavoro di prevenzione e controllo qui fosse così completo, si è formata una virtuosa interazione tra governo e residenti, con risultati eccezionali.”

Con l’espandersi dell’epidemia, anche la patria di Anneli, il Sudafrica, si è trovata in pericolo. Mentre Anneli era in ansia per non poter fare nulla per la sua terra natale, la sua figlioccia in Sudafrica ha avuto un’idea improvvisa: creare una serie di collegamenti via internet tra Cina e Sudafrica, così da introdurre la riuscita esperienza cinese nel paese.

Anneli e la figlioccia si sono attivate, effettuando cinque “cloud talk show” sotto forma di Q&A “da schermo a schermo”, in cui hanno introdotto, dal punto di vista di Anneli, il modello e i risultati del lavoro condotto dalla Cina per sconfiggere l’epidemia.

Nei video, Anneli ha detto in rete ai suoi connazionali: “Qui sto bene, non temete!”. La serie di video, intitolata “A Week in Cina”, ognuno di circa 20 minuti, è stata pubblicata su YouTube.

“La Cina ha fatto un ottimo lavoro di prevenzione e controllo dell’epidemia. Io dirò sicuramente come sono andate le cose, in modo che tutti siano a conoscenza degli sforzi compiuti dal paese.”

Anneli ha anche incoraggiato i suoi studenti a realizzare video e manifesti sulla prevenzione e controllo dell’epidemia, che ha poi distribuito ai suoi amici e studenti all’estero, nella speranza di illustrare in questo modo al mondo “l’esperienza cinese” e di dare più “voce alla Cina”.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

PAI VLOG:Entriamo con Pai in un laboratorio della giada dove, da 40 anni, una famiglia di artigiani trasforma la pietra in opera d'arte
Gastronomia cinese-presto Pai vi porta ad un'altra città cinese famosa per la pasta!
Cinese in pillole-come si dice in cinese "anno nuovo"?
Il Lago delle Mille Isole: un luogo pittoresco nello Zhejiang, paradiso ittico e faunistico
Gastronomia cinese-Presto Pai vi porta ad assaggiare un’altra pasta speciale di Zhangzhou!
Viaggio digitale in Cina- Pai vi porta a due monti di boschi nel nordest della Cina!