Beijing: squadra per le indagini epidemiologiche nella cittadina di Huangcun

2020-07-15 17:18:04
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

La cittadina Huangcun nel distretto di Daxing, a Beijing, è stata un’area ad alto rischio epidemico. Proprio lì è stata istituita una squadra di assistenza alle indagini epidemiologiche che in 15 giorni ha tracciato 304 casi di contatto con casi di infezione accertati o sospetti.

Un pomeriggio di inizio luglio, il capo della squadra, Qin Yu, ha ricevuto un messaggio dal quartier generale: “in alcune comunità di quartiere sono stati riscontrati casi di contatto con persone positive, venite subito sul posto”.

Quel pomeriggio la temperatura del terreno sfiorava i 40 gradi mentre gli occhiali di Qin Yu e del suo collega - che avevano appena indossato le tute protettive - continuavano ad appannarsi. Al termine dell’indagine, dopo aver tolto le tute, i loro vestiti erano completamente bagnati e anche i loro occhiali, che sembravano quelli di un nuotatore.

Il 17 giugno, in una grande fabbrica alimentare nella cittadina di Huangcun sono stati scoperti tre casi di Covid-19, poi confermati. La cittadina è stata classificata come “area rossa” ad alto rischio. Alle prime ore del giorno successivo, il comitato del PCC della cittadina ha deciso di istituire una squadra per le indagini epidemiologiche allo scopo di coordinare il lavoro del centro per il controllo delle malattie del distretto Daxing. Sono stati scelti 11 “eroi” provenienti dal settore delle risorse idriche, della gestione generale e della sicurezza per formare una “task-force” con lo scopo di controllare la trasmissione del virus, impedendone il più possibile la diffusione e i contatti passivi.

Per Wang Yongjiang, membro della squadra, l’oggetto d’indagine più complesso è stato un ragazzo di 19 anni che aveva lavorato come addetto alle consegne del mercato Xinfadi, e che a causa della sua attività era stato in contatto con molte persone. Wang Yongjiang ha impiegato due giorni a tracciare tutti i negozi in cui era stato il giovane insieme a tutti i suoi possibili contatti. Infine tutti questi contatti sono stati isolati ed è stato richiesto alle autorità competenti di eseguire la disinfezione.

Un altro membro della squadra di nome Liu Shunxing, ha indossato indumenti protettivi a tenuta d’aria per oltre 6 ore sotto il sole cocente. Ha dovuto compiere indagini su tutti i negozi della cittadina senza poter bere, mangiare o usare la toilette. Tutto questo lavoro è costato molta fatica ai componenti della squadra che hanno rischiato di prendere un’insolazione.

Nella corsa contro il virus, ogni membro della squadra è rimasto in“standby” 24 ore su 24. Una volta alcuni di loro (Chen Ergang, Song Wenjie e Xiao Lei) sono stati contattati alle 11:30 di sera per svolgere dei controlli su una persona che aveva avuto dei contatti stretti con casi di contagio. Al termine dell’attività di controllo erano ormai le due o le tre del mattino.

“Ci auguriamo che tutto il nostro lavoro dia esito negativo perché questo dimostrerebbe che tutti sono al sicuro e che la nostra azione è stata efficace. Stiamo facendo una corsa contro il virus”. Hanno detto i membri della squadra.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Tanta italia in questa edizione del Festival di cinema di Shanghai
​Al via la prima missione cinese per l’esplorazione di Marte!
Antica Via della Seta Marittima, conclusione con il declino nelle ultime due dinastie cinesi
Vaccino made in China completa la seconda fase di sperimentazioni cliniche
In Cina si sono riaperte le sale di cinema!
Ecco il treno a levitazione magnetica made in China di 600 km/h!