Creare una nuova vita “trasferendosi”: la storia di oltre 1.500 persone povere nel distretto Qianjiang della città di Chongqing

2020-07-14 17:18:10
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Oltre 1.500 persone povere che abitavano nelle povere zone montagnose del distretto di Qianjiang a Chongqing si sono trasferiti nelle aree urbane di Qianjiang nel tentativo di rompere le “ossa dure” della povertà. Nel passaggio dalle aree di montagna alle comunità urbane, Qianjiang non ha interrotto l'assistenza alle famiglie trasferite ed ha portato bene a termine la “seconda metà” dell' articolo sull’alleviamento della povertà dopo il trasferimento.

Alla fine dell’anno scorso, 1.531 poveri provenienti da 413 famiglie di 29 villaggi del distretto di Qianjiang della città di Chongqing si sono trasferiti nel quartiere Lijiaxi del distretto di Qianjiang. Secondo Yu Changming, segretario della cellula del Partito del distretto Qianjiang, non è facile liberarsi dalla povertà a causa della barriera costituita dalle montagne, e poter quindi risolvere in modo radicale la questione che una terra non può allevare la gente che su essa vive.

Per aiutare queste famiglie rilocate a “mantenere la stabilità”, il distretto di Qianjiang si è riservata i diritti e interessi delle famiglie locali povere, come il diritto di trasferire la terra e il diritto di distribuire le entrate collettive. Prima del trasferimento, Hu Fuxuan, un paesano povero del villaggio di nuova costruzione Xiaonanhai, si è unito alla cooperativa turistica del villaggio diventando un azionista con denaro. Poco dopo essersi trasferito nell’area di reinsediamento, ricevette un bonus di 1107 yuan dalla cooperativa. Hu Fuxuan ha spiegato: “Il turismo tujia (l’etnia tujia è un’etnia antica, che si distribuisce soprattutto nella zona montuosa di Wuling tra le province dell’Hunan, dello Hubei, del Guizhou e della municipalità di Chongqing) è molto di moda. Nonostante che mi sono trasferito, l’identità come azionista contadino non è cambiata. Ogni anno ci saranno utili da dividere.”

Il nuovo mestiere non abbandona quello vecchio. Oltre a essere adibita al trasferimento per la riduzione della povertà, l’area di reinsediamento di Lijiaxi ha costruito nuove fabbriche quali quella dei funghi commestibili e quella di lavorazione di vestiario, e presenta il vantaggio geografico di essere vicina al parco industriale. Il risultato è stato che i dubbi della gente di “non avere una porta occupazionale” sono presto svaniti.

Nel parco industriale dei funghi commestibili, si possono vedere file di capannoni standardizzati. Secondo la presentazione, questo parco è il più grande laboratorio per la riduzione della povertà nel distretto di Qianjiang. In base al grado di partecipazione, le famiglie trasferite possono ottenere i soldi per l'affitto, le scorte e la vita dai lavori corrispondenti. Se le famiglie ricollocate vogliono impegnarsi nella coltivazione di funghi commestibili, ci sono aziende che guidano la tecnica. Il reddito annuale di una famiglia può raggiungere i 20mila o 30mila yuan.

Oggi, per ogni famiglia con capacità lavorativa nell'area di reinsediamento di Lijiaxi c’è più di una persona che lavora. Dopo essersi trasferita, la gente ha potuto vivere una vita tranquilla.

Accanto ai 28 edifici residenziali nell'area di reinsediamento di Lijiaxi, c'è un orto di 20 mu ( circa 15 mu corrispondono a un ettaro) costruito dal quartiere Qingping. Il terreno è accuratamente diviso in piccoli quadrati e contrassegnato da numeri.

Song Tingchang, segretario del partito del quartiere Qingping, ha detto che le famiglie traslocate possono avere una parte di orto. Ciò farà in modo che non debbano preoccuparsi di avere verdure da mangiare e ridurrà inoltre il costo della vita, e gli permetterà per di più di conservare l’idea della vita contadina, riducendo gli ostacoli nell’adattarsi a una nuova vita.

Inoltre, l'area di reinsediamento di Lijiaxi ha anche usato la zona dal migliore posizionamento per costruire punti medici di quartiere, scuole elementari, scuole materne e altre strutture di servizio.

Molte famiglie ricollocate hanno detto che prima in montagna, per andare e tornare dal medico impiegavano due o tre ore, mentre ora possono raggiungere al punto medico in una decina di minuti e curare le malattie minori senza dover uscire dal quartiere.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Tanta italia in questa edizione del Festival di cinema di Shanghai
​Al via la prima missione cinese per l’esplorazione di Marte!
Antica Via della Seta Marittima, conclusione con il declino nelle ultime due dinastie cinesi
Vaccino made in China completa la seconda fase di sperimentazioni cliniche
In Cina si sono riaperte le sale di cinema!
Ecco il treno a levitazione magnetica made in China di 600 km/h!