L’esperto in terapia intensiva Qiu Haibo e i suoi 139 giorni di lotta contro il COVID-19

2020-06-22 11:13:33
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Il pomeriggio del 5 giugno, all’aeroporto Lukou di Nanjing, è atterrato il volo CZ6511, con a bordo Qiu Haibo, vice capo dello Zhongda Hospital della Southeast University. Membro del gruppo di esperti inviato dal governo centrale nello Hubei e del gruppo di esperti della Commissione nazionale della sanità, ha lottato contro l’epidemia nello Hubei, nell’Heilongjiang e nel Jilin per 139 giorni.

139 giorni in tre province, e “anche l’umore è passato dall’inverno all’estate”

Per Qiu Haibo è il più lungo viaggio di lavoro all’interno del Paese. Non gli è sembrato trattarsi di un viaggio di lavoro, ma solo di prestare cure a pazienti in posti diversi.

Qiu Haibo: Sono andato a Wuhan il 20 gennaio con indosso abiti invernali, a marzo faceva troppo caldo per indossare la giacca di cotone, quindi i miei amici hanno iniziato a cercare per noi camicie e t-shirt. Fortunatamente, la giacca imbottita in cotone non era stata restituita ed era ancora disponibile al nostro arrivo ad Harbin. Presto sarebbe stata primavera ad Harbin e nel Jilin il tempo era più simile a quello primaverile, perché la temperatura era relativamente bassa. Al mio ritorno a Nanjing era piena estate. Il cambiamento di abiti riflette anche il cambiamento del nostro umore. La cosa più pesante che ho indossato a Wuhan era una grande giacca di cotone. Quando ad Harbin e nel Jilin si potevano indossare abiti primaverili, mi sentivo molto più rilassato. La piena estate a Nanjing mi faceva sentire che tutti i vincoli erano spariti, quindi appena atterato la mia prima frase è stata: posso di nuovo tornare a lavorare all'ospedale.

Foto di comparazione con capelli neri e poi bianchi diffusa in rete

Il 19 gennaio, Qiu Haibo ha ricevuto l'ordine di recarsi a Wuhan per partecipare alla lotta contro il COVID-19 e la mattina presto del 20 gennaio ha preso un treno da Nanjing a Wuhan. Dopo aver depositato i bagagli, è andato direttamente al reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Jinyintan. A Wuhan, non era solo un esperto nel gruppo di guida centrale, ma anche un medico clinico, ed ha lavorato con altri membri del personale medico per trovare una soluzione e un nuovo percorso di diagnosi e trattamento per i pazienti critici e per aggiornare i risultati periodici nel nuovo piano di diagnosi e trattamento per il COVID-19. All’inizio di aprile, alcuni media hanno messo insieme le due foto scattate per Qiu Haibo il 20 febbraio e il 30 marzo e le hanno denominate "Esperto anti-epidemico con capelli diventati bianchi entro un mese". Le due foto sono state diffuse immediatamente e ampiamente e hanno commosso innumerevoli persone. Sebbene in seguito Qiu Haibo abbia ripetutamente spiegato ai giornalisti che il passaggio "non è stato così esagerato" e che era solo una questione di esposizione fotografica, nel periodo in cui la situazione anti-epidemica di Wuhan era più grave, la pressione che ha affrontato è stata molto forte.

Qiu Haibo: in qualità di medico di terapia intensiva, i pazienti hanno spesso una disfunzione di uno o più organi: non ci sono molte possibilità, quindi la situazione è più urgente e abbiamo maggiore pressione. Così oggi, nella nostra disciplina, nella lotta contro il COVID-19, sottolineiamo sempre di tenersi avanti nel passo, il che significa che non dobbiamo aspettare che il paziente diventi grave prima di iniziare il trattamento; se lo curiamo prima, forse il paziente non si ammalerà gravemente, forse potremmo migliorare significativamente il tasso di successo del trattamento.

Lacrime alla partenza da Wuhan

Con il graduale miglioramento della prevenzione e di controllo dell’epidemia a Wuhan, squadre mediche provenienti da tutto il paese che hanno completato la missione hanno iniziato a lasciare la città. Quando Qiu Haibo era pronto per tornare a Nanjing da Wuhan, lui e altri due esperti medici hanno ricevuto nuove istruzioni e il compito di recarsi nella provincia dell’Heilongjiang per guidare sul posto la lotta contro l’epidemia. Prima di partire, Qiu Haibo ha parlato in un'intervista di sua moglie e sua madre a Nanjing.

Qiu Haibo: Anche lei ha molta pressione, sola a casa, ha la lombaggine, i figli sono fuori per studiare. Penso che se una donna si assume tutte le responsabilità della famiglia, è davvero...

"Trattamento molto lussuoso"

Dopo i 99 giorni a Wuhan, Qiu Haibo è arrivato ad Harbin nella tarda notte del 26 aprile. Ad Harbin, ha lavorato ininterrottamente per 17 giorni.

Poiché non ci sono casi recentemente confermati nella provincia dell’Heilongjiang e non sono stati confermati nuovi casi importati dall'estero, la partenza del gruppo di esperti è stata sostanzialmente confermata. Tuttavia, lo scoppio dell’epidemia importata a Shulan del Jilin li ha ostacolati. Il 13 maggio, Qiu Haibo e il team di esperti della Commissione nazionale della Sanità sono passati dal combattere l’epidemia nell'Heilongjiang alla lotta in prima linea nel Jilin.

Qiu Haibo: Dato che avevamo avuto esperienza a Wuhan e nell’Heilongjiang, non avremmo dovuto esitare nell’andarci.

Nel trattamento di terapia intensiva di COVID-19 nella Cina nordorientale, un percorso di trattamento ovviamente efficace è quello di utilizzare il plasma di fase di recupero dei pazienti di COVID-19 di Wuhan. All’arrivo ad Harbin, Qiu Haibo ha affrontato diversi pazienti gravemente malati. Sebbene i farmaci antivirali tradizionali e quelli di esplorazione iniziale fossero efficaci, non hanno avuto effetti rapidi. L'esperienza di trattamento a Wuhan ha provato che il plasma nel periodo di recupero ha un certo effetto sul virus. Dopo aver ottenuto il consenso della Commissione nazionale della sanità, decine di migliaia di millilitri di plasma sono stati trasferiti da Wuhan nell’Heilongjiang entro 24 ore ed è stato donato tutto il plasma del periodo di recupero dei pazienti riabilitati dal COVID-19 di Wuhan e dello Hubei.

Ciò che ha impressionato Qiu Haibo è stato un anziano di 85 anni trasferito da Shulan, che aveva come malattie di base ipertensione, diabete, cardiopatia coronarica, fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca. Poco dopo la trasfusione dei 2.600 millilitri di plasma di fase di recupero, le condizioni dell’anziano hanno iniziato a migliorare. Qiu Haibo ha affermato che si è trattato di “un trattamento molto lussuoso".

Appello per l’aumento di posti letti di ICU

Il 5 giugno, dopo 23 giorni di lotta nel Jilin, Qiu Haibo ha finalmente messo piede sulla strada di casa. Ha affermato che l'esperienza anti-epidemica di quasi sei mesi è stata anche un processo di comprensione graduale del COVID-19. Se dovesse esserci è un'epidemia locale, si potrà avere maggiore fiducia nella diagnosi e nel trattamento. La lotta anti-epidemica degli ultimi sei mesi ha permesso a Qiu Haibo di avere anche un'ulteriore comprensione della medicina di terapia intensiva.

Qiu Haibo: Attualmente i posti letti di terapia intensiva negli ospedali di tre livelli nel Paese rappresentano meno del 2% del totale dei letti ospedalieri, il che è stato già il risultato di molti anni di duro lavoro. Tuttavia, questa percentuale di posti letti non può soddisfare le esigenze di trattamento dei pazienti gravi e in condizioni critiche durante l'epidemia. Di recente, il Consiglio di Stato, compresa la Commissione nazionale per lo Sviluppo e la  Riforma e la Commissione nazionale della Sanità, ha richiesto a tutte le località di costruire basi terapeutiche per le gravi epidemie, in cui cui i posti letti di terapia intensiva dovranno rappresentare dal 10% al 15% del totale. Dovremmo essere sempre pronti per il futuro, sia in tempi normali che in tempi di epidemia.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Si ritira a 37 anni il campionissimo cinese del badminton Super Dan!
Presto nuovo collegamento di Pai con Edoardo Gagliardi, focus sul cinema cinese nel periodo epidemico
Anteprima: Presto nuovo collegamento di Pai con Edoardo Gagliardi, focus sul cinema cinese nel periodo epidemico
Anteprima: In questi giorni si fa in tutta la Cina “Gaokao”, esame per l’ammissione di univeristà
In questi giorni si fa in tutta la Cina “Gaokao”, esame per l’ammissione di univeristà
Antica Via della Seta Marittima, rotte delle dinastie Sui e Tang (581-709 D.C.)