Contro il nuovo coronavirus

2020-02-17 17:30:57
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

Quest'epidemia improvvisa sta mettendo tutti alla prova: la capacità della Cina di rispondere alle crisi sanitarie interne, il suo sistema di governo, la sua stessa capacità di governare il Paese e allo stesso tempo sta mettendo a dura prova la gente.

Nell’affrontare questa pandemia la Cina ha agito in maniera rapida, mettendo in campo misure imponenti che le sono valse il plauso dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ed in questo momento così duro il popolo cinese spera di ricevere dagli altri Paesi comprensione e sostegno. Si augura, inoltre, che i suoi sforzi siano valutati in maniera giusta e obiettiva.

Quest’anno il capodanno cinese è caduto relativamente presto, il 25 gennaio. E' il giorno dell’anno in cui i cinesi iniziano a far visita agli amici e ai parenti, a riunirsi in un’atmosfera gioiosa. Lo stesso giorno si è tenuta però anche la riunione del Comitato permanente dell’Ufficio politico del Comitato centrale del Partito comunista cinese. Il segretario generale Xi Jinping ha presieduto la riunione ribadendo nel suo intervento che nella lotta contro quest’epidemia di polmonite virale causata dal nuovo coronavirus “occorre dare priorità alla sicurezza e alla salute del popolo”.

Il giorno dopo il premier cinese e capo del Gruppo dirigente per il controllo e la prevenzione dell’epidemia, Li Keqiang, si è recato a Wuhan, la città capoluogo della provincia dello Hubei, epicentro dell’epidemia. Il primo ministro ha richiesto che fosse garantita in primis la fornitura di risorse mediche e di correre contro il tempo per assicurare a tutti i pazienti di essere visitati.

I casi di contagio stanno aumentando e la Cina ha adottato le più rigide misure di prevenzione e controllo, sta combattendo con tutte le sue forze per impedire la diffusione di quest'epidemia, che coinvolge tutti noi.

Zhong Nanshan, accademico dell’Accademia cinese di Ingegneria e celebre esperto di malattie respiratorie, è stato uno dei personaggi di spicco nella lotta contro l’epidemia di SARS scoppiata in Cina nel 2003 ed è anche il capo del Gruppo di ricerche scientifiche sull’attuale epidemia.

Il 20 gennaio Zhong Nanshan, riferendo che 14 medici erano stati contagiati dal virus, ha confermato che esso si trasmette da uomo a uomo e questa scoperta è considerata come un punto di svolta nella lotta contro l’epidemia. Lo stesso giorno la Commissione sanitaria nazionale ha pubblicato il comunicato n.1 inserendo la polmonite causata dal nuovo coronavirus (ribattezzato ufficialmente dall’OMS lo scorso 11 febbraio COVID-19) nella lista delle malattie infettive di classe B, come definite nella Legge sulla prevenzione e la cura delle malattie infettive della RPC, e ha chiesto di adottare le misure di prevenzione e controllo solitamente usate per le malattie di classe A.

Perchè alla fine di gennaio i casi di contagio accertati hanno iniziato a registrare un forte aumento?

In una settimana i casi di contagio confermati erano passati da 200 a più di 4.000. Ci sono state diverse cause, prima di tutto il virus ha cominciato a trasmettersi da uomo a uomo; in secondo luogo, abbiamo adottato misure attive per individuare al più presto i casi di contagio. Il test è ora piuttosto rapido, ci permette di individuare più velocemente un maggior numero di persone contagiate.

Rispetto alla SARS, in cosa si differenzia l’infezione da nuovo coronavirus? Di recente sono aumentati i casi in cui i pazienti contagiati non presentano inizialmente i sintomi tipici della malattia, ad esempio persone contagiate senza febbre, e ci sono già anche casi di bambini contagiati. È possibile ritenere che il virus sia già mutato e che il suo grado di infettività possa crescere ulteriormente?

La polmonite causata dal nuovo coronavirus presenta due sintomi evidenti: per prima cosa, si riscontra nei malati uno stato febbrile; i pazienti riferiscono inoltre di un generale stato di debolezza e, alcuni di essi hanno tosse secca con poco espettorato. La mutazione di un virus non si manifesta nella diversità dei sintomi. L’elemento chiave per capire se un virus è mutato è l’evidente crescita della sua virulenza.

In base a quanto è stato finora possibile appurare, l’infettività del nuovo coronavirus è relativamente forte, ma il tasso di mortalità è pari a circa il 2,7% (3.2% nello Hubei), e i decessi si riscontrano maggiormente in pazienti adulti di mezza età o anziani. Tale percentuale è più alta rispetto alle normali influenze, ma più bassa rispetto alla SARS, all’Ebola e all’aviaria (H7N9).

Si sono già verificati casi di “super untori”?

All’interno del corpo umano il virus è soggetto a un processo di adattamento. Se permetteremo al virus di diffondersi liberamente, crescerà rapidamente dopo essersi adattato all’ambiente del corpo umano e alcuni pazienti estremamente sensibili potrebbero diventare super untori. Di conseguenza, in breve tempo molte persone verrebbero contagiate dal virus, trasmettendolo immediatamente alla terza e alla quarta generazione. Finora è stato appurato che un portatore di virus contagia diverse persone, ma non è ancora successo che quest’ultime abbiano diffuso il virus alla successiva generazione. Ritengo che al momento non si possa parlare con certezza di casi di super untori, ma è difficile dire se ce ne saranno in futuro.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Uniti contro il Covid-19: la mascherina può essere riutilizzata?
Uniti contro il covid-19: Psicoterapia:come allontanarci dallo stress?
Uniti contro il covid-19: la condivisione della lavatrice causa qualche contagio?
Uniticontroilcovid19: come disinfettare la giacca?
Coronavirus, task force cinese al lavoro in Italia
Uniti contro il Covid-19: i virus sopravvivono più a lungo sulle superfici lisce?