Gli hutong di Beijing

2019-09-06 15:32:11
Comment
Share
Share this with Close
Messenger Messenger Pinterest LinkedIn

I caratteri "hutong", il cui significato è vicolo, sono la traduzione cinese della pronuncia della parola in lingua mongola, risalente al 1267, anno di costruzione del Khanbaliq, capitale della dinastia Yuan, da cui fu ereditato il nome utilizzato in Cina dalla storia di oltre settecento anni. Nei primi anni della Repubblica di Cina, il traffico di Beijing accolse un ulteriore sviluppo che giunse a promuovere lo sviluppo degli hutong, aumentandone grandemente il numero. Negli anni 40' del Novecento, nella capitale si contavano già oltre 3200 hutong.

Gli hutong di Beijing riflettono l'aspetto storico della città. A prima vista, sembra che i vicoli abbiano tutti pareti e tegole grigie dallo stesso aspetto, ma in realtà non è così. Se si attraversano alcuni hutong, e si parla con i vecchi abitanti locali, si potrà vedere che ogni hutong ha la propria storia, un passato leggendario e ricchi aneddoti.

Gli hutong non solo sono le vene della capitale, ma anche luoghi di vita per la gente comune e un palcoscenico importante per lo sviluppo storico e culturale della città. Hanno testimoniato le vicissitudini storiche e le situazioni di diverse ere, sono pieni di atmosfera culturale, simili a musei dalle caratteristiche folcloristiche, improntati alle scie di vario tipo di vita sociale della gente. Camminando negli hutong, si possono vedere dappertutto luoghi con resti storici, che sperimentati in modo dettagliato, sembrano un'enciclopedia di Beijing. In molti di loro, un mattone, oppure una tegola, vanta una storia di migliaia di anni. Gli hutong e i grandi o piccoli cortili permettono di conoscere la vita quotidiana dei cittadini locali, inclusi il loro modo di vivere, la gioia per la vita e le relazioni tra vicini.

Gli hutong di Beijing hanno preso il loro nome principalmente da organismi ufficiali, palazzi, altari e templi, magazzini, officine, ponti, corsi di fiumi, fiere, merci, oggetti, cognomi, nomi, paesaggi e condizioni di vita degli abitanti, e molti dei nomi presi in origine vengono usati ancora oggi.

Alcuni hutong devono il nome alla propria forma e apparenza, che riflette la sincerità, onestà, il carattere diretto e il senso spirituale dei pechinesi, vi è a esempio l'hutong largo Kuanjie (significato: strada larga), quello stretto Jiadao (via stretta), quello inclinato Xiejie (strada inclinata), quello tortuoso Ba Daowan (composto da otto vie) , quello tettangolare Hezi (astuccio), quello corto Yichi Dajie (strada di un Chi), quello basso Xia Wazi (terreno infossato) , quello slanciato Zhugan (canna di bambù) quello piatto e lungo Biandan (bilanciere), e quello con un lato sottile e un lato grosso Xiao Laba ( piccolo corno)

Alcuni hutong hanno preso il nome dai mercati limitrofi. Ne sono esempi gli Hutong Luo Mashi (hutong dei muli e cavalli), Gang Washi ( hutong delle pentole e tegole), Yangshi ( hutong delle capre), Zhushi (hutong dei maiali), Mishi (hutong del riso), Meishi (hutong del carbone) e Zhu Baoshi (hutong dei gioielli).

Alcuni hanno derivato il proprio nome da templi. Vi é la Strada del Tempio Longfu, la Strada del Tempio Dafo, la Strada del Tempio Baochan, la Strada del Tempi Huguo, l'Hutong Zhengjue, l'Hutong Guanyin, l'Hutong Fangju e altri ancora.

Alcuni hanno preso il nome dagli alberi e piante coltivati nelle aree attigue. Vi é l'Hutong Liushu (hutong dei salici), l'Hutong Zaolin (hutong della foresta di giuggiole), l'hutong Chunshu (hutong degli alberi del paradiso ), tutti hutong intitolati a nomi di alberi.

Alcuni hutong sono stati intitolati a nomi di persona, di questo tipo a Beijing ve ne sono migliaia, alcuni dei quali riportano il nome di eroi nazionali cinesi, altri quello di personalità storiche, funzionari e nobili di dinastie cinesi, anche se la maggioranza è stato intitolato a nomi e cognomi di gente comune, piccoli venditori e artigiani, in quanto con le loro azioni si avvicinarono maggiormente alla vita quotidiana degli abitanti comuni degli hutong . I nomi di tali vicoli dimostrano appieno un'inclinazione umanitaria.

Ci sono anche hutong non intitolati a nomi di persone ma in cui si trovano le case dove abitarono famose personalità cinesi, quali a esempio la casa di Kang Youwei nell'Hutong Mishi, la casa di Tan Sitong nell'Hutong Bei Banjie, la casa di nascita di Lao She nell'Hutong Xiao Yangjia, la casa di Mei Lanfang nell'Hutong del Tempio Huguo, e la casa di Mao Dun nell'Hutong del Tempio Hou Yuan'en.

Molti hutong derivano il propri nome da dei pozzi. Vi sono a esempio l'Hutong Jinger, l'Hutong Nanjing, l'Hutong Beijing, l'Hutong Gaojing, e l'Hutong Wang Fujing e altri ancora. Il motivo è dovuto al fatto che la Cina settentrionale scarseggia d'acqua, necessaria per cucinare, bollire il tè e fare il bucato, e dopo che gli abitanti dell'epoca scavarono i pozzi , nominarono le strade dai nomi dei pozzi per dare espressione al proprio stato d'animo gioioso.

Related stories

Condividi

Articoli più letti

Mai senza Pai

Uniti contro il Covid-19: la mascherina può essere riutilizzata?
Uniti contro il covid-19: Psicoterapia:come allontanarci dallo stress?
Uniti contro il covid-19: la condivisione della lavatrice causa qualche contagio?
Uniticontroilcovid19: come disinfettare la giacca?
Coronavirus, task force cinese al lavoro in Italia
Uniti contro il Covid-19: i virus sopravvivono più a lungo sulle superfici lisce?